juno

 

Rivergaro, 2018

Una cascina ristrutturata sui colli piacentini dove ironia ed eclettismo sono state le fondamenta del progetto. Ogni stanza ha dei particolari segni distintivi, all’ingresso ad esempio troviamo una cucina ad isola in laccato bianco e micromalta spatolata a mano che sullo sfondo di una texture geometrica diventa la regina dello spazio. Subito a seguire un tavolo antico di famiglia che abbiamo mantenuto e valorizzato accompagnandolo a delle sedute bianche contemporanee ed estremamente diverse nella forma l’una dall’altra. In entrambi i bagni abbiamo lavorato sul binomio di ceramica e resina con le stesse tonalità cromatiche; due superfici diverse al tatto ma dalle stesse prestazioni. In camera da letto una carta da parati barocca riveste il separe tra zona notte e cabina armadio; come richiamo al decoro della tappezzeria abbiamo selezionato per il letto un rivestimento cangiante in velluto ottanio.

Progettista della ristrutturazione: Geom. Pantaleone Montuori

Impresa Esecutrice: Maserati Costruzioni di Maserati Dario

L’intervento di ripristino dell’immobile ha il fine di valorizzare la diversità delle costruzioni esistenti realizzate in epoche differenti, una più antica con sassi a vista ed una più recente in muratura. Durante la ristrutturazione è stata data la funzione di collante tra le due strutture agli ampi serramenti minimali in vetro. Anche all’intero dell’abitazione ritroviamo la volontà di far convivere essenzialità e matericità, il nuovo e l’antico; per questo la scelta delle resine, del bianco puro, delle ceramiche contemporanee che si fondono con pareti in sasso, solai di tavelle in cotto e orditure in legno.

Pin It on Pinterest

Share This